foto studio

Roma, 15 maggio 2020 – Il decreto rilancio da 55 miliardi appena varato dal Governo prevede la figura dell’infermiere di quartiere per potenziare il territorio e garantire servizi di prossimità in grado di rilevare e rispondere alla domanda presa in carico di bisogni assistenziali sempre più complessi. Nell’ipodesi del DL questa figura professionale dovrà rafforzare i servizi infermieristici territoriali e potenziare l’assistenza ai pazienti in isolamento domiciliare e ai malati cronici, disabili, persone con disturbi mentali o in situazioni di fragilità. L’esperienza di Nurseitalia dimostra come l’iniziativa di impresa possa mobilitare risorse private per realizzare soluzioni ed esperienze che diventano patrimonio per l’intero sistema sanitario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

E' possibile utilizzare questi HTML tags e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

cancella il moduloSottometti